La misurazione della continuità aziendale In evidenza

Guida pratica per imprenditori e amministratori (Parte 4)

Abbiamo individuato nel D.Lgs. 14/2019, art.3 “Doveri del debitore” la fonte normativa che impone all'imprenditore individuale di adottare misure idonee a rilevare tempestivamente lo stato di crisi e assumere senza indugio le iniziative necessarie a farvi fronte.

L'imprenditore collettivo (società di ogni tipo) invece deve adottare un assetto organizzativo adeguato ai sensi dell'articolo 2086 del Codice civile, “anche” ai fini della tempestiva rilevazione dello stato di crisi e dell'assunzione di idonee iniziative.

Ma cosa avrà voluto dire il legislatore con quel “anche”?

Gli imprenditori, al fine di preservare un tessuto economico sano, devono gestire le imprese con la massima attenzione, sia per evitare le responsabilità personali patrimoniali che per cogliere i vantaggi economici e monetari derivanti dall’impostazione di un adeguato assetto amministrativo, organizzativo e contabile in azienda.

ATTENZIONE: si parla di proroga della normativa … ma soltanto per quella parte che ancora non è entrata in vigore! Quindi la responsabilità personale patrimoniale degli amministratori (eventualmente anche soci, che magari credono di essere al riparo) rimane vigente (dal 16 marzo 2019) e dovrà essere affrontata “scontrandosi” con la vecchia Legge Fallimentare, senza poter beneficiare dei vantaggi derivanti dalle nuove procedure di allerta stabilite dal Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza (Decreto Legislativo 12 gennaio 2019, n. 14).

Un importante obbligo collaterale all’istituzione di adeguati assetti in azienda è quello del monitoraggio della continuità aziendale, ovvero della capacità dell’impresa di perdurare nel tempo continuando a produrre utili, e più in generale ricchezza, per tutti (i soci, i lavoratori, gli stakeholder esterni all’impresa e il tessuto economico in generale).

Se sei un amministratore avrai recentemente redatto il bilancio dell’esercizio 2020 (oppure stai ultimando la redazione della bozza) e certamente avrai dovuto rendere conto ai soci ed ai terzi che lo leggeranno (comprese le banche: il bilancio è documento pubblico, depositato presso la Camera di Commercio) del fatto che l’impresa è in possesso dei requisiti di continuità aziendale.

Ma come hai fatto a dichiararlo?

Come hai fatto a misurare la continuità aziendale?

Come hai potuto prenderti la responsabilità di redigere un bilancio con criteri di continuità aziendale se non hai un assetto organizzativo, amministrativo e contabile che, attraverso il monitoraggio di fattori strategici per il successo futuro dell’azienda, ti avrebbe segnalato con certezza l’eventuale criticità in merito alla continuità aziendale?

Ricorda che il sesto comma dell’art. 2476 del Codice civile che, nella sua prima parte, recita testualmente: "Gli amministratori rispondono verso i creditori sociali per l'inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell'integrità del patrimonio sociale" e che gli amministratori, inoltre, sono solidalmente responsabili verso la società dei danni derivanti dall'inosservanza dei doveri ad essi imposti dalla legge e dall'atto costitutivo per l'amministrazione della società (art. 2476 primo comma).

Quindi, se non hai misurato oggettivamente, concretamente, la capacità dell’impresa di perdurare nel tempo continuando a produrre utili (continuità aziendale) e quindi non hai la comprovata certezza di quanto hai dichiarato nella Nota Integrativa al bilancio, sei a rischio di responsabilità personale patrimoniale sia verso i soci della società (gli altri soci, anche se tuoi familiari, potrebbero agire contro di te!) sia verso i terzi (banche, dipendenti, fornitori, clienti danneggiati, Stato ed enti previdenziali).

 


Se vuoi ricevere ulteriori informazioni o sei interessato ai nostri servizi, contattaci

 

smoro authorbox  

Scritto da: Simone Moro


Sono iscritto al Registro dei Revisori Contabili. Mi occupo principalmente di consulenza e pianificazione strategica in materia fiscale, aziendale e societaria, controllo di gestione, certificazione domande di contributi pubblici e di gestione del team.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 

Ultima modifica il Giovedì, 29 Luglio 2021 06:43
Torna in alto